L’attrice e cantante non rinuncia alla buona cucina. Sia a casa che quando è in tournée


Il suo nuovo musical “Diana & Lady D” sta collezionando successi in tutt’Italia e, se ce ne fosse ancora bisogno, sta confermando l’eclettismo del suo talento artistico: Serena Autieri è assolutamente a suo agio nel ricoprire il duplice ruolo di attrice e cantante, un’abilità che è frutto di anni di lavoro ma anche di una applicazione costante e di un’accortezza nel gestire il proprio regime alimentare. Attenzione, però, Serena Autieri non ha un rapporto conflittuale con il cibo: nel suo già prestigioso curriculum può anche vantare la pubblicazione di “Un pizzico di sale”, un libro che testimonia il suo amore per la buona cucina.

Noi l’abbiamo sentita in una pausa della sua lunga tournée e abbiamo chiacchierato di gusto ed estetica scoprendo che anche in cucina, come d’altronde sul palco, Serena Autieri sa il fatto suo.

 

Serena, sfatiamo subito il mito che vuole le donne brave e belle non particolarmente abili in cucina…

 Serena, qual è la tua idea di gusto? Come sintetizzeresti il tuo modo di intendere la cucina?

 Serena, dovendo scegliere un piatto o un ingrediente a cui non rinunceresti mai, su cosa ti orienteresti e perché?

 Serena, è ormai da diversi anni che la tua vita è scandita da lunghe tournée teatrali e, quindi, da orari che differiscono molto da quelli di una persona normale. Come gestisti i tempi della tua alimentazione? Rinunci spesso al gusto per ragioni di lavoro? 

Serena, cosa succede quanto torni a casa e la stanchezza prende il sopravvento? Trovi comunque il tempo e il modo di metterti ai fornelli?

Serena, qual è lo strumento che rappresenta, dal tuo punto di vista, l’idea di praticità? Cosa non deve mai mancare nella tua cucina?

 

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to friend