Un sondaggio inglese conferma un trend evidente anche in Italia: si mangia solo in cucina


La classifica degli ambienti casalinghi è in rapida evoluzione, almeno per quel che riguarda la stanza preferita per i pasti. Questo sembra segnalare un sondaggio del quotidiano Daily Mail sullo spazio domestico dove gli inglesi amano mangiare. Non più la sala da pranzo, come fino a qualche anno fa, ma la cucina, sempre più cuore della casa. I risultati non si prestano ad equivoci: soltanto la metà degli intervistati ritiene indispensabile avere una dining-room. Certo, stiamo parlando di un popolo che non fa della convivialità un must, ma un trend simile è chiaro anche in Italia.

LE RAGIONI DELLA SCOMPARSA DELLA SALA DA PRANZO

Le ragioni della tendenziale scomparsa della sala da pranzo vanno ricercate in quelle che stanno determinando il successo della cucina. C’è da considerare, innanzitutto, la crescita esponenziale della popolarità del tema “cibo”, determinata da chef stellati e programmi tv. Uno degli effetti collaterali di tanta attenzione è la ricerca di elettrodomestici e mobili sempre più sofisticati e all’avanguardia. La conseguenza è che la cucina sta diventando un ambiente sempre più bello e confortevole. Uno spazio da vivere, per esempio, anche con gli ospiti. Un’altra ragione importante, per non dire determinante, è che le case sono diventate molto più piccole rispetto al passato. Se si è alle strette, viene facile mangiare in cucina e utilizzare la sala da pranzo per altro. Non a caso è da anni che si limita lo spazio per soli pasti a favore di cottura e convivialità. Altro aspetto rilevante è la caduta di un vecchio monopolio della sala pranzo, la visione collettiva della tv. Oggi tablet e televisori sparsi in ogni punto della casa consentono di vedere la televisione ovunque e da soli.

Insomma, il destino della sala da pranzo sembra orientato verso una scomparsa definitiva. Contro la sua estinzione rimane un solo baluardo: il Natale. Per cenoni e tavolate di fine anno ci vuole per forza la sala da pranzo. O una cucina che si somigli molto.

 

 

Fonte foto: www.pexels.com

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to friend