Dopo aver stravolto il mondo dei taxi, il colosso americano punta alle consegne di cibo


Per ora in Italia è attivo solo a Milano e vede l’adesione di un centinaio di ristoratori, ma presto potrebbe diffondersi in tutto lo Stivale perché ciò che promette è di una grande praticità: recapitare in circa mezz’ora un pasto gustoso ovunque si trovi chi lo ha ordinato.

Si chiama UberEATS la nuova scommessa del colosso americano che, non contento di aver scompaginato il trasporto pubblico non di linea, mira a giocare un ruolo da protagonista nel settore del food delivery. Le aspettative sono così alte che i vertici italiani della compagnia ritengono che le richieste di spostamenti saranno superate da quelle di pasti a domicilio nel giro di pochi anni.

Cuore di tutto il servizio Uber EATS è l’omonima app dove è possibile ordinare cosa mangiare a pranzo o a cena scegliendo nei menu degli esercenti che aderiscono alla piattaforma.

A garantire il passaggio dall’iPhone al piatto ci pensano giovani corrieri che, dopo essersi resi disponibili attraverso la stessa applicazione, effettuano le consegne in scooter impiegando mediamente poco più di mezz’ora. Per i ristoratori il solo onere di preparare i pasti senza la preoccupazione di organizzare la fase di recapito: a quella ci pensa Uber a fronte di una percentuale sul prezzo di vendita.

ubereats_2

Ma al cliente quanto costa la comodità di mangiar ciò che vuole dove vuole e senza attendere molto?

Per i primi tempi il servizio sarà gratuito nel senso che si pagherà solo il prezzo del cibo acquistato. Dopo le prime settimane di test, ci sarà, invece, un costo da sostenere.

Come per tutti i servizi innovativi, anche per UberEATS ci sarà da capire come reagirà la platea dei consumatori potenzialmente interessati. Di sicuro i dati che arrivano dagli Stati Uniti parlano di un mercato che, nel lungo termine, potrebbe arrivare a valere fino a 200 miliardi.

Per il resto, a far pensare che la consegna a domicilio possa rivelarsi un grosso affare è l’esercito di persone che ogni mattina si porta da casa il pranzo da mangiare in ufficio: dipendesse da loro, il pasto se lo farebbero comodamente servire sulla scrivania.

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to friend