Attore e buongustaio, Stefano Bicocchi si è inventato la “commedia dell’arte culinaria”


È uno dei volti più noti di Gambero Rosso Channel, ma ancora prima è un appassionato della tradizione culinaria emiliana. Che ama raccontare senza prendersi troppo sul serio e con la complicità della sua famiglia. Per i registri dell’anagrafe è Stefano Bicocchi, ma per i telespettatori del seguitissimo canale Sky è semplicemente Vito.

Il suo fortunato programma tv è stato definito un esempio di “commedia dell’arte culinaria”, in realtà è un format che mette insieme genuinità e voglia di divertirsi ai fornelli. Un po’ come succede in tante case italiane dove il cibo e la sua preparazione sono soprattutto un pretesto per stare insieme. Magari senza badare troppo all’estetica dei piatti che si preparano, ma dando grande importanza al loro gusto e, cosa ancora più importante, conservando la memoria dei sapori/saperi del passato. Un impegno, quest’ultimo, che l’attore emiliano ha voluto onorare scrivendo anche un libro di 60 ricette che, ovviamente, si intitola “Vito con i suoi”.

Noi lo abbiamo raggiunto a casa sua, durante una pausa delle registrazioni tv, e abbiamo fatto una lunga chiacchierata…

Vito, allora, partiamo dal vostro fortunato programma: come ti spieghi il suo successo?

Vito, a proposito di casa e famiglia, l’idea di cucina che proponete è fortemente centrata su prodotti e ricette emiliane. Lecito supporre che tu sia un assertore della stagionalità e dei prodotti a chilometro zero…

Vito, sempre a proposito della vostra cucina è impossibile negare che rappresenti un patrimonio di sapori buoni e intensi, ma come la mettiamo con l’aspetto salutistico? Buona cucina e alimentazione “light” possono andare d’accordo?

Vito, condurre un programma tv significa anche avere un costante rapporto con il pubblico che lo segue. Insomma, è un ottimo osservatorio per capire gusti e comportamenti della gente. Da questo punto di vista, com’è cambiato il gusto degli italiani nel corso di questi ultimi anni? Cosa hai notato?

 Vito, a questo punto, rivelaci la tua idea di gusto…

Vito, come ti regoli quando hai poco tempo a disposizione? Ti capita di rinunciare al gusto?

 Vito, per chiudere, qual è il piatto che più ti rappresenta?

 

VITO 4

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to friend