Una ricerca condotta dalla Nielsen conferma un trend ormai consolidato


Gusto e salute devono essere molto presenti nel carrello della spesa, gli italiani hanno pochi dubbi. A confermarlo, per l’ennesima volta, è la ricerca Health/Wellness: food as medicine condotta dalla Nielsen in tutto il mondo. Per quel che riguarda l’Italia, lo studio ha evidenziato che ben il 40% dei consumatori preferisce cibi buoni purché benefici.

La hit parade del gusto e della salute

L’aspetto interessante della ricerca è che gli italiani amano la combinazione di gusto e salute. Proprietà benefiche e soddisfazione del palato sono i fattori che maggiormente orientano gli acquisti in Italia. In questo senso, i cibi preferiti sono yogurt e noci, consumati rispettivamente dal 59% e dal 49% degli intervistati. La classifica tricolore di gusto e salute prosegue con i fagioli, scelti dal 47% del campione. Sorprendente solo in apparenza, il dato è spiegato dal fatto che quattro italiani su dieci vedono nelle proteine vegetali una valida alternativa alla carne.

Salmone e te tra i cibi considerati benefici

L’elenco dei cibi che gli italiani considerano buoni e salutari prosegue con il tè (46%), con il salmone (45%) e con il cacao (37%). Significativo, poi, che quasi sette intervistati su dieci considerino alimenti benefichi sia le bacche di Goji che la curcuma. Insomma, un trend salutistico ormai consolidato che, nei prossimi anni, potrebbe avvantaggiarsi dell’intenzione, manifestata da moltissimi, di consumare più verdura e più frutta.

Anche gli snack devono essere salutari

Nella ricerca di un regime alimentare sempre più sano, non mancano spunti di golosità: il 51% degli intervistati ogni tanto si concede qualcosa di più appagante. Una deroga che interessa soprattutto gli snack, a patto che presentino una lista di ingredienti semplici e con pochi zuccheri. Già, gli zuccheri, determinanti anche per la scelta delle bevande: meno ce ne sono e meglio è. Non a caso si prevede un boom dei succhi 100% frutta e un calo delle bibite gassate.

Per approfondire l’argomento clicca qui

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to friend