È il simbolo dei giorni di Halloween, ma è buona sempre. Per almeno 5 valide ragioni


Vedi una zucca e pensi alla festa di Halloween. Giusto, ma pensare a quanto fa bene, e ai suoi tanti impieghi, è molto meglio. Il più arancione degli ortaggi merita un posto di assoluto rilievo nella nostra dieta. E se proprio non vi esalta il sapore della polpa, provate con i semi. Ci sono almeno 5 valide ragioni per farlo.

La zucca combatte l’ansia

La zucca è un anti stress naturale che andrebbe molto rivalutato. Merito del magnesio di cui è ricca e la cui carenza è all’origine di stanchezza e stati di agitazione. La dose giornaliera raccomandata di magnesio è di 350/400 mg, 100 grammi di semi di zucca ne contengono 534. Come dire che basta inserirne la giusta quantità in uno snack per combattere l’ansia.

Un’amica del buonumore

Un’altra valida ragione per mangiare zucca si chiama triptofano. I semi sono un’ottima fonte di questo aminoacido che il corpo converte in serotonina, il cosiddetto ormone del buonumore. La serotonina, a sua volta, viene convertita in melatonina. Il disposto combinato di questi due ormoni combatte, in un colpo solo, l’insonnia, la fame nervosa e la depressione. A proposito del triptofano, va ricordato che il consumo di cibi che lo contengono è consigliato quando c’è il passaggio dall’ora solare a quella legale.

Stop alla ritenzione idrica

La ritenzione idrica è la tipica conseguenza negativa di uno stile di vita fatto di dieta squilibrata e attività sedentarie. Acqua e potassio presenti nella zucca aiutano la diuresi, il che significa liberarsi di liquidi in eccesso, tossine e gonfiore. Mica poco.

La cucurbitina, rara e preziosa

I tanto (non a caso) lodati semi di zucca contengono un amminoacido raro e prezioso, la cucurbitina. Il nome dal suono esotico nasconde, in realtà, delle spiccate proprietà vermifughe e antiparassitarie. La cucurbitina è molto utile, quindi, per combattere i disturbi delle vie urinarie, in particolare prostatiti e cistiti.

Per il bene del cuore e dell’intestino

Betacarotene e grassi buoni, due componenti della zucca che la rendono un alleato ideale contro invecchiamento cellulare, colesterolo e ipertensione. Di tutto rispetto anche il contenuto di fibre che, unite all’alta percentuale di acqua, agevolano il corretto funzionamento del transito intestinale. Le proprietà benefiche della zucca, e dei suoi semi, non si esauriscono qui. Ce ne sono molte altre che ne giustificano il suo consumo, diciamo almeno un paio di volte a settimana. Anche quando la festa di Halloween sarà stata archiviata.

 

 

Fonte foto: www.unsplash.com

 

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to friend