I cibi che aiutano a prolungare la tintarella


Se sul mercato cosmetico esistono tanti prodotti utili a favorire l’ abbronzatura della pelle, sulla tavola degli italiani ne esistono tanti altri capaci di soddisfare lo stesso desiderio. Carote, insalate, pomodori, meloni, fragole e albicocche sono solo alcuni dei cibi che rientrano nella classifica dei “cibi abbronzanti”. Si tratta per lo più di frutta e verdura, che oltre a favorire la tintarella, apportano un beneficio anche al nostro organismo e alla salute della nostra pelle. Molto spesso la principale preoccupazione per chi ama esporsi al sole è proprio l’effetto nocivo dei raggi UVA sulla nostra cute. Allora come fare ad ottenere una abbronzatura perfetta correndo zero rischi?

Frutta e verdura

Per la dieta perfetta, prima di tutto, spazio ai colori: è risaputo ormai che frutta e verdura, di colore rosso o arancio, sono ricche di beta-carotene, precursore della vitamina A. E’ proprio quest’ultima, infatti, a stimolare la produzione della melanina, il pigmento in grado di dare alla nostra pelle la colorazione scura, dunque l’agognata abbronzatura!

  • Tra le sfumature dell’arancio vi è l’imbarazzo della scelta tra albicocche, pesche, melone, zucca e carote. Quest’ultime è meglio cuocerle con un filo d’olio per permettere al beta-carotene di essere assorbito più facilmente dal nostro organismo.
  • E per aggiungere un po’ di rosso ai piatti si può abbondare con peperoni, pomodori, anguria, ciliegie e fragole, che contengono il licopene, un idrocarburo della famiglia dei carotenoidi, che aiuta a resistere a lungo all’esposizione solare.

Sappiamo bene, però, che la nostra pelle, oltre a colorarsi, necessita di molta idratazione. A nessuno piacerebbe avere il colorito di un gambero e la pelle ruvida come il suo carapace, ed ecco perché, alla vitamina A, vanno integrate altre due appartenenti alla stessa famiglia: la vitamina E e la vitamina C. Entrambe posseggono note proprietà anti-infiammatorie e anti-ossidanti, che contrastano l’invecchiamento della pelle mantenendola sana ed elastica. La vitamina E si può ritrovare in abbondanza negli oli vegetali e nella frutta essiccata come mandorle e semi di girasole; mentre sono ricchi di vitamina C soprattutto cavolo, agrumi, peperoni e kiwi.

Pesce e frutti di mare

Pesce e frutti di mare non possono poi mancare sulle nostre tavole, ricchi di acidi grassi e Omega 3 prevengono le fastidiosissime irritazioni cutanee ed eritemi solari. Questi alimenti agiscono riparando le fibre di collagene ed elastina messe a dura prova durante l’esposizione solare. Inoltre contengono minerali come lo zinco e il selenio che, in sinergia con la vitamina E, svolgono anch’essi una potente azione anti-ossidante: contrastando l’effetto del photo-aging e mantenendo, allo stesso tempo, la pelle liscia, idratata e un’abbronzatura più intensa e uniforme.

Da non sottovalutare quei piccoli accorgimenti che sembrano banali ma che sono molto utili come: bere molta acqua, evitare le ore più calde del giorno per esporsi al sole ed ovviamente integrare l’alimentazione con le giuste creme solari.

Ed ora buona tintarella a tutti!

 

 

Fonte foto: Pexels

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to friend