Introdotto il reato di molestia olfattiva, con ammende fino a € 1500


La frittura torna sul banco degli imputati, ma stavolta le argomentazioni salutistiche c’entrano poco. Piuttosto la questione è di tipo olfattivo cioè di puzza, per essere più chiari. Per la prima volta, infatti, la Cassazione ha sanzionato una famiglia di Monfalcone colpevole, appunto, del reato di “molestie olfattive”. La sentenza n.14467/2017 della Corte suprema ha chiuso un contenzioso condominiale nato per le continue emissioni di fumi, odori e rumori molesti.

LA FRITTURA FA LITIGARE MOLTO

Apparentemente futile, il pronunciamento della Cassazione è, invece, la conseguenza del gran numero di cause civili dovute a liti condominiali. In Italia se ne contano un milione all’anno e quelle legate al cibo (e agli odori) sono in costante aumento. Spesso si litiga con il ristorante sotto casa che non rispetta la normativa sulle emissioni di fumi. Altre volte a scatenare le proteste è il vicino molesto che pensa di essere l’unico abitante del palazzo. E l’unico ad avere il diritto di cottura (leggi frittura) puzzolente.

La questione, però, non è sempre facile da dirimere e, talora, può assumere sottili connotazioni socio-culturali, per non dire razziali. Pensate al caso, realmente accaduto, di un condominio abitato da persone provenienti da diversi continenti e pensate al giudice alle prese con orientali irritati per il fritto degli americani, statunitensi che non sopportano l’odore di curry degli indiani e tutti contro l’aglio usato dai cinesi. Una babilonia di odori in cui è arduo stabilire cosa è una puzza e quali sono i limiti di tolleranza.

I RIMEDI ANTI PUZZA

Nel dubbio, e nel rispetto della legge, è bene prendere le giuste precauzioni quando si decide di friggere qualcosa. Si, perché un eccesso di odori potrebbe portare ad una un’ammenda che si gira sui mille, millecinquecento euro. E questo se l’origine della puzza è domestica, ben più gravi le pene nel caso di ristoranti e locali. Occhio, anzi, naso alla frittura: chi sbaglia paga.

P.S. In rete si trovano un sacco di rimedi contro gli odori di frittura. C’è chi consiglia di mettere una fetta di mela nell’olio ancora freddo. Chi di far bollire dell’acqua con dei chiodi di garofano accanto alla pentola per friggere. Chi di far bollire dell’aceto a cottura ultimata…

 

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to friend