Un olio da conoscere e rivalutare


Conosciuto quasi esclusivamente come olio adatto per la frittura, l’ olio di semi di girasole nasconde proprietà benefiche per la salute e per la cura del corpo.

Scopriamo quali. 

Proprietà ed utilizzi in cucina

L’ olio di girasole è composto essenzialmente da acidi grassi insaturi, in particolare acido oleico e linoleico, antenati dei più conosciuti omega 3 ed omega 6 utili a ridurre il colesterolo “cattivo” contenuto nel sangue. Fonte preziosa di vitamina E, agisce, inoltre, a protezione delle membrane cellulari, combattendo l’invecchiamento ed i radicali liberi e rafforzando il sistema immunitario.

Grazie alle sue proprietà benefiche, questo condimento, detiene un posto d’onore all’interno del metodo Kousime (la cui validità scientifica non è però riconosciuta), secondo cui le malattie sono strettamente connesse alle abitudini alimentari. Per questo motivo, è stato consigliato di assumere, giornalmente, 1 cucchiaio ½ di olio di girasole spremuto a freddo.

Per quanto riguarda il suo impiego in cucina, il suo sapore delicato, rende quest’olio adatto soprattutto per condire verdure, preparare sughi  e creare dolci. Inoltre, si presta per ottenere cremose salse fatte in casa e per la conservazione degli ortaggi sott’olio. 

Non solo cibo

Anche nel campo del benessere del corpo, l’ olio di semi di girasole, è un buon alleato grazie a vitamine, minerali e sostanze benefiche di cui è composto.

In cosmesi, ad esempio, è utilissimo per ringiovanire la pelle, levigare le rughe e prevenire acne e cicatrici. Ottimo per i massaggi contro i dolori muscolari o reumatici è, inoltre, utilizzato in caso d’infiammazioni alle gengive come risciacquo antibatterico per lenire i gonfiori.

Che sia utilizzato come condimento o per fini cosmetici e curativi per il corpo, si consiglia di scegliere un olio di girasole biologico lavorato tramite spremitura a freddo. Questo processo consente infatti di mantenere intatte le migliori virtù della materia prima evitando al contempo l’uso di prodotti chimici.

 

 

Fonte foto: Pexels

Commenti

commenti

Send this to friend