News Board

«Creative Journal»

Il buono a sapersi dei legumi Fondamentali per una sana alimentazione, vanno consumati conoscendone benefici e controindicazioni.

20 settembre 2017,   By ,   0 Comments
Foto: www.pexels.com

Sarebbe molto facile stabilire il primo posto di un’ipotetica classifica degli alimenti più completi e salutari: andrebbe ai legumi. Senza molti dubbi. Gli studiosi li considerano fondamentali per la crescita in virtù del loro ricco e complesso profilo nutrizionale. In Italia i legumi più comuni sono fagioli, piselli, ceci, lenticchie e fave. Inserirli nel proprio regime alimentare sarebbe quasi un obbligo, a patto di conoscerne i tanti benefici e le poche controindicazioni.

 

LEGUMI, TANTE PROTEINE MA POCHI AMINOACIDI ESSENZIALI

La quantità di proteine garantita dai legumi è quasi uguale a quella degli alimenti di origine animale. Quando opportunamente combinata, questa ricchezza proteica li rende dei naturali sostituti a carne, uova, formaggi e pesce. In compenso mancano di alcuni aminoacidi essenziali, ma il problema si risolve abbinandoli alla pasta. È un matrimonio perfetto: ognuno dei due ingredienti è carente di ciò che mette a disposizione l’altro.

 

NIENTE COLESTEROLO E SOLO GRASSI “BUONI”

Consumare fagioli & co. significa godersi tutto il buono di un prodotto vegetale, quindi pasti privi di colesterolo e grassi saturi. I grassi dei legumi sono gli insaturi, quelli buoni. Il cui consumo, per intenderci, garantisce il benessere di cuore e arterie e il miglioramento delle funzioni cognitive e visive.

 

SENSO DI SAZIETÀ E SALUTE OK

I legumi aiutano a mantenere la forma grazie alla presenza di fibre insolubili. Come fanno a ridurre la voglia di mangiare più cibo? Il loro attraversamento dello stomaco attira l’acqua, il che aumenta il senso di sazietà e favorisce il transito intestinale. La conseguenza è un minore assorbimento di zuccheri, grassi, colesterolo e sostanze nocive.

 

I LEGUMI PER COMBATTERE IL CANCRO

Ferro, zinco e calcio fanno dei legumi dei veri e propri nutraceutici, cioè degli alimenti che, al pari dei farmaci, hanno proprietà terapeutiche. È questo il motivo per cui vengono sempre più impiegati per prevenire patologie come obesità, malattie cardiovascolari e cancro. Una ricerca condotta negli U.S.A. avrebbe dimostrato l’importanza di una dieta a base di legumi nel ridurre l’insorgenza di tumori in persone sottoposte a radiazioni nocive.

 

COME CONTRASTARE GONFIORE ADDOMINALE E FLAUTOLENZA

Gonfiore addominale e flautolenza sono le principali controindicazioni dei legumi. La colpa è degli zuccheri semplici che, una volta ingeriti, non vengono scissi arrivando integri nell’intestino. Rimediare a questi inconvenienti non è difficile, anzi. Basta cambiare più volte l’acqua durante la cottura o fare abbondanti risciacqui, se si usano legumi in scatola. In quest’ultimo caso, bisogna procedere fino a far scomparire la schiuma.

Lascia un commento







Send this to friend